Regolamento d’uso Stadio Comunale “Renzo Barbera” di Palermo

NORME COMPORTAMENTALI
(Art. 1 septies del D.L. 28/2003, convertito e modificato dalla legge 88/2003)

Importante: l’accesso e la permanenza all’interno dell’impianto sportivo è espressamente soggetta all’implicita accettazione da parte dello spettatore di questo Regolamento e delle normative emanate dalla FIFA, dalla UEFA, dalla Lega Nazionale Dilettanti, dalla Palermo società sportiva dilettantistica a s.r.l., dall’Autorità di Pubblica Sicurezza.

L’accesso e la permanenza all’interno dell’impianto sportivo sono regolati dal presente regolamento d’uso, l’acquisto del titolo di accesso determina l’accettazione incondizionata da parte dello spettatore del presente Regolamento.

L’inosservanza dello stesso comporterà l’immediata risoluzione del contratto di prestazione, con il conseguente allontanamento dall’impianto del contravventore nonché l’applicazione della sanzione amministrativa pecuniaria da 100 a 500 euro.
Qualora il contravventore risulti già sanzionato, nella stessa stagione sportiva anche in un impianto diverso, per la medesima violazione del regolamento d’uso, la sanzione può essere aumentata sino alla metà del massimo e può essere comminato il divieto di accesso alle manifestazioni sportive.

Per impianto sportivo si intendono tutte le aree di pertinenza, occupate od utilizzate dalla Palermo s.s.d. a r.l., compreso l’area riservata esterna.

Per Evento si intende ogni manifestazione calcistica, organizzata e gestita dal Club, che ha luogo nello Stadio.

Per Stadio si intende l’intera struttura sportiva.

Per Club si intende la Palermo società sportiva dilettantistica a r.l.

Con l’acquisto del titolo di accesso l’utilizzatore si impegna a prendere visione ed a rispettare il regolamento d’uso dell’impianto sportivo, reperibile sul sito ufficiale della Palermo s.s.d. e affisso presso lo Stadio.

In ogni caso, la vendita degli abbonamenti, dei titoli di accesso (compreso quelli destinati al settore ospiti) sono condizionati oltre che dal presente regolamento anche dalle indicazioni e dalle diverse determinazioni intraprese dal Ministero dell’Interno, sia dalle Autorità Federali che dagli Organismi di Pubblica Autorità.

Lo spettatore, in particolare, è tenuto a rispettare e seguire le norme comportamentali, i divieti e le avvertenze di seguito indicate:

1. L’accesso e la permanenza nello Stadio sono consentiti solo ai possessori di idoneo titolo di accesso, che dovrà essere conservato per tutta la durata dell’Evento e mostrato in qualsiasi momento a richiesta del personale preposto.

2. Il titolo di accesso allo Stadio è personale, sarà rilasciato solo previa registrazione dei dati anagrafici dell’acquirente e non può essere ceduto a terzi.

3. Qualunque titolo di accesso non perfezionato, detenuto da persona diversa dal titolare, sarà ritirato dagli steward, dai funzionari del Club e dalle Forze dell’Ordine. Colui che ne verrà trovato in possesso sarà identificato e, ricorrendone i presupposti, perseguito a termini di legge. Il suddetto titolo sarà custodito dal Club per l’eventuale riconsegna al legittimo titolare.

4. Per l’accesso all’impianto è richiesto a tutti, compresi i minori, il possesso di un documento d’identità valido, da esibire a richiesta del personale della società, unitamente al titolo di accesso, ai varchi di prefiltraggio e filtraggio, onde consentire agli addetti al controllo di verificare ed accertare la corrispondenza tra l’intestatario del titolo di accesso allo Stadio e l’effettivo utilizzatore (persona fisica che lo possiede).

5. Per ragioni d’ordine pubblico l’autorità di Pubblica Sicurezza o il Club potranno limitare o interdire l’ingresso o la permanenza nello Stadio anche a soggetti che dispongono del titolo di accesso. Non è consentito in nessun caso l’accesso nello Stadio a persone soggette a diffida per atti di violenza sportiva.

6. Il Club non risponde, salvo che il fatto non sia direttamente imputabile a sua negligenza e colpa, per smarrimenti, incidenti o danni a persone o cose nello Stadio.

7. Data e ora dell’Evento potranno essere modificate per disposizione dell’Autorità di Pubblica Sicurezza o delle autorità sportive senza che ciò possa determinare alcuna responsabilità a carico del Club.

8. In caso di Evento posposto o annullato o svolto con la chiusura di tutti o parte dei settori dello stadio, il rimborso avverrà secondo quanto previsto dal contratto di acquisto del titolo di accesso. Il Club non avrà nessun altro obbligo oltre a quello del rimborso del biglietto, responsabilità per qualsiasi titolo, ragione, azione. Il rimborso o la sostituzione del biglietto avrà luogo solo a fronte di presentazione e, quindi, restituzione dello stesso.

9. L’Autorità di pubblica Sicurezza o il Club hanno facoltà di sottoporre a controlli tutte le persone che intendono accedere o hanno avuto accesso allo Stadio. L’accesso e la permanenza saranno negati a chiunque rifiuterà di sottoporsi ai controlli da parte dell’Autorità di Pubblica Sicurezza o del Club.

10. Al fine di garantire l’incolumità degli spettatori, gli steward svolgono attività di controllo sulla persona. Tale attività, finalizzata ad evitare l’introduzione di materiali illeciti, proibiti e/o pericolosi, potrà essere svolta effettuando il “sommario controllo” delle borse, degli oggetti portati al seguito e delle stesse persone, procedendo alla verifica attraverso la tecnica del PAT-DOWN (art. 1, comma 3 lettera a DM 28 luglio 2011) anche con l’uso di metal detector portatili.

11. Il PAT-DOWN, ovvero la ricerca sulla persona e sui suoi abiti di oggetti occultati pericolosi o vietati, senza introdurre le mani entro borse e tasche degli spettatori, include:

  • La richiesta allo spettatore di effettuare tale tecnica, evidenziando che in caso di rifiuto lo spettatore deve essere controllato da agenti di polizia;
  • La richiesta di esibizione di oggetti custoditi nelle tasche, all’interno dei capi di abbigliamento e all’interno di borse e/o zaini;
  • L’invito ad allargare le braccia, al fine di consentire un adeguato controllo;
  • L’avvertimento che, in caso di rifiuto, sarà richiesto l’intervento di un operatore di Polizia e che il rifiuto di sottoporsi al controllo costituisce violazione del regolamento d’uso dell’impianto, con conseguente sanzione amministrativa ed allontanamento dallo stadio;
  • Il sommario controllo, con la tecnica del Pat-down, delle parti ove potrebbero essere occultati oggetti pericolosi, nel rispetto della dignità della persona (a tal fine i controlli verranno effettuati da persone dello stesso sesso dello spettatore).

12. I seguenti oggetti non possono essere introdotti nello Stadio: coltelli, forbici, veleni, sostanze nocive ed infiammabili, droghe, materiale pirotecnico, esplosivi, fumogeni, torce, razzi e bengala, trombe a gas, oggetti pericolosi, sistemi per l’emissione di raggi luminosi (puntatori o luci laser), pietre, biglie, bottiglie, recipienti di vetro, lattine, bottiglie in PET anche se prive di tappo, cinture con fibbie metalliche di rilevanti dimensioni, caschi, bastoni, aste, catene, videocamere, macchine fotografiche tipo reflex, binocoli di grandi e medie dimensioni, ombrelli di grandi e medie dimensioni con pute metalliche, bagagli ingombranti, video registratori, radio e tutte le attrezzature e/o gli oggetti idonei per essere lanciati o essere utilizzati come arma e/o essere pericolosi per l’incolumità pubblica. Chiunque sia trovato in possesso di tali materiali avrà l’accesso interdetto o sarà allontanato dallo stadio, fatti salvi i provvedimenti di competenza dell’Autorità Giudiziaria e di quella di Pubblica Sicurezza.

13. Comportamenti minacciosi, violenti o linguaggi ingiuriosi sono severamente vietati e sono sanzionati con l’arresto e/o l’espulsione dallo Stadio.

14. Sono severamente vietati insulti e cori razzisti, vessazioni di ogni genere e altri atti offensivi che possano essere sanzionati con l’arresto e l’espulsione dallo Stadio.

15. I seguenti atti sono sanzionabili secondo le normative vigenti:

  • Il lancio di oggetti sul campo;
  • Cori volgari e/o razzisti, striscioni o scritte volgari e/o razziste;
  • Entrare nell’area di gioco o nelle zone chiuse agli spettatori;
  • Scavalcare cancelli, barriere e balaustre di ogni tipo;
  • Essere in possesso di qualunque oggetto che può arrecare pericolo per l’incolumità pubblica.

16. Tutti gli spettatori che entrano nello Stadio possono ESCLUSIVAMENTE occupare il posto specificato sul biglietto e non potranno muoversi da un settore all’altro dello Stadio salvo casi autorizzati dal Club o dalle Forze di Polizia. Il settore destinato alla tifoseria ospite verrà utilizzato esclusivamente per quel fine, eccetto casi in cui il Club, di comune accordo con le Forze di Polizia e le Autorità locali, decida altrimenti.

17. È vietato stare in piedi quando il gioco è in corso.

18. È severamente vietato ostruire i passaggi, le vie d’accesso e di uscita, le uscite e gli ingressi, le scale. È severamente vietato arrampicarsi alle strutture dello Stadio.

19. L’uso dei telefoni cellulari è permesso nello Stadio per l’esclusivo utilizzo personale e privato.

20. Ogni persona che sia entrata indebitamente nelle aree dello Stadio designate ad ospitare i tifosi della squadra avversaria può essere espulsa, per la sua incolumità e per qualsiasi altra ragione.

20.bis. “È severamente vietato, senza previa autorizzazione scritta della Lega Nazionale Dilettanti, registrare, trasmettere o in ogni caso sfruttare: contenuti sonori, visivi o audio-visivi della partita a parte per proprio uso personale e privato; o qualsiasi dato, statistica e/o descrizione della partita a parte per propri fini non commerciali.”

21. È vietato condurre attività commerciali o promozionali, distribuire gratuitamente o a pagamento qualsiasi tipologia di bene, compresi opuscoli, raccogliere donazioni, senza la preventiva autorizzazione del Club.

22. Telecamere a circuito chiuso sono presenti nello Stadio. Il Club è tenuto a porre i dati e i supporti di registrazione a disposizione dell’Autorità Giudiziaria e di Pubblica Sicurezza.

23. Durante la permanenza nello Stadio gli spettatori devono seguire inderogabilmente le indicazioni del personale del Club, delle Forze di Polizia e del Servizio d’Ordine autorizzato, il mancato rispetto delle istruzioni può essere sanzionato con l’espulsione dallo Stadio.

24. È vitato usare travestimenti che non permettono di distinguere il viso.

25. È vietato accedere e/o trattenersi all’interno dell’impianto in stato di ebbrezza o sotto l’effetto di sostanze stupefacenti o psicotrope.

26. È vietato introdurre, detenere o assumere sostanze che possono alterare il normale comportamento e/o accedere all’interno dello stadio sotto il loro effetto.

27. È vietato introdurre, porre in vendita, distribuire, nello stadio, anche gratuitamente, bevande od alimenti in genere senza la preventiva autorizzazione del Club.

28. Chiunque sia sorpreso a danneggiare o deturpare in qualsiasi modo strutture, infrastrutture e servizi dello Stadio o le proprietà del Club sarà denunciato.

29. Chiunque abbia ricevuto una diffida o sia condannato da un Tribunale per comportamento razzista o per violenze contro altri spettatori, ufficiali o giocatori sarà interdetto all’accesso dello Stadio per tutti gli Eventi.

30. Chiunque commetta atti criminali all’interno dello stadio o nell’area circostante lo Stadio, nel percorso di avvicinamento o di allontanamento dallo Stadio, in occasione di un evento può essere passibile di diffida all’accesso dello Stadio per tutti i futuri Eventi.

31. Il Club si riserva di espellere dallo Stadio chiunque non rispetti il Regolamento dello Stadio o la cui presenza all’interno dello Stadio possa essere considerata come una causa di pericolo o disturbo per gli altri spettatori. Ciò può portare al ritiro da parte del Club, senza rimborso, dell’abbonamento o del biglietto o ad altre azioni che il Club si riserva di prendere nel futuro.

32. È fatto divieto di introdurre all’interno dell’impianto sportivo animali di ogni tipo e specie.

33. L'introduzione e l’esposizione, nell'Impianto Sportivo, degli striscioni e di qualsiasi altro materiale ad essi assimilabile (cartelli, stendardi, materiali stampati o scritti), compreso quello per le coreografie, nonché dei tamburi ed altri mezzi di diffusione sonora (es. megafono) sarà regolato nel rispetto di quanto dettato dalla Determinazione dell’Osservatorio Nazionale sulle Manifestazioni Sportive n. 14 dell’8 marzo 2007 e successiva del 30/05/2012. A tal fine si ricorda che l’introduzione e l’esposizione degli striscioni e delle coreografie nonché dei megafoni e tamburi, che dovrà essere richiesta almeno sette giorni prima dell’evento, potrà essere consentita esclusivamente previa autorizzazione del Dirigente del G.O.S. (Gruppo Operativo per la Sicurezza). Il materiale autorizzato dovrà essere introdotto all’interno dell’impianto, dal varco indicato dal Club, almeno 1 ora prima dell’apertura dei tornelli. Lo stesso materiale dovrà essere rimosso al termine della manifestazione.

In riferimento ai tamburi e agli strumenti di diffusione sonora (megafoni) si specifica che:

  • è vietata e sanzionata qualsiasi forma di arrampicamento in balaustra, in particolare per dirigere i cori con il megafono ed i tamburi;
  • non è consentito installare strutture apposite per il posizionamento dei tifosi detentori del megafono e del tamburo;
  • i tamburi “ad una sola battuta”, autorizzati all'accesso, sono quelli che presentano una sola superficie utile e non una sola bacchetta.

34. La Palermo s.s.d. a r.l. si riserva di modificare il presente regolamento con efficacia immediata, anche per coloro che abbiano già acquistato il titolo di accesso, in conseguenza di provvedimenti legislativi, amministrativi e/o di Pubblica Sicurezza.

AVVERTENZE

Tra i comportamenti che concretizzano fattispecie penali, si richiamano i reati indicati nell’articolo 6, comma I, della legge 13 dicembre 1989. n. 401, e successive modifiche ed integrazioni, ed, in particolare, quelli relativi al travisamento, all’ostentazione di emblemi o simboli di associazioni che diffondano la discriminazione o la violenza per motivi razziali, etnici, nazionali o religiosi, all’incitazione alla violenza nel corso di competizioni agonistiche, nonché il possesso, il lancio e l’utilizzo di qualunque materiali pericoloso, lo scavalcamento delle recinzioni e/o dei separatori di settore e l’invasione di campo.

TRATTAMENTO DATI PERSONALI

Si segnala che l’impianto è controllato da un sistema di ripresa e registrazione audio-video posizionato sia all’interno (area di massima sicurezza) che all’esterno (area riservata).

La registrazione è effettuata dall’apertura fino alla chiusura dell’impianto sportivo.

I dati e i supporti di registrazione sono conservati presso lo Stadio, con l’adozione di ogni misura di sicurezza prevista dalla legge.

I dati in caso di richiesta potranno essere visionati e consegnati all’Autorità Giudiziaria e di Pubblica Sicurezza, ovvero agli ufficiali di pubblica sicurezza o di polizia giudiziaria espressamente designata.

I dati non utilizzati sono cancellati trascorsi sette giorni.

Il trattamento dei dati personali, secondo le disposizioni previste Regolamento Europeo 679/2016 (GDPR) è effettuato da VIVATICKET.

Il trattamento dei supporti di registrazione, secondo le disposizioni vigenti, è effettuato dal Club.

PALERMO S. S. D. A R. L.

Modulo richiesta autorizzazione striscioni / coreografie

Download